EleganceNails | Doccia solare a bassa pressione
17148
page-template-default,page,page-id-17148,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-theme-ver-2.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

DOCCIA SOLARE A BASSA PRESSIONE

COS’È E COME FUNZIONA

La doccia solare è utile per preparare la pelle all’esposizione al sole senza paure di eritemi e scottature.
La radiazione emessa dalle lampade a bassa pressione per l’abbronzatura ha un spettro con una buona presenza di raggi UVB, soprattutto rispetto all’altra tecnologia ad alta pressione.

All’interno del centro è esposta un’apposita lista delle sostanze fotosensibilizzanti.

PRIMA DI ENTRARE NELLA DOCCIA SOLARE:
Togliere il trucco e lavare la zona cutanea in cui si è applicato del profumo. Alcuni cosmetici contengono sostanze che aumentano la sensibilità al sole (ad esempio l’olio di bergamotto), oppure sotto l’azione dell’UV si trasformano chimicamente e causano fotodermatiti tossiche o allergiche. Evitare gli alimenti che possono aumentare la sensibilità ai raggi ultravioletti. Da evitare gli agrumi (arance, mandarini), sedano, fichi, che hanno sostanze che aumentano la sensibilità al sole. Prima di sottoporsi alla luce, non mangiare e non strofinare sulla pelle tali alimenti.
Tempi di esposizione nel solarium
Variano a seconda del tipo di pelle e delle caratteristiche del solarium; sarà bene rivolgersi all’addetto della struttura o leggere il manuale d’uso del solarium, dove i costruttori devono inserire un’apposita tabella di esposizione correlata al fototipo dell’utente. Per un’abbronzatura omogenea evitare le posizioni fisse o le attitudini statiche: è consigliato di muoversi e spostarsi affinché l’angolo di ricezione dei raggi non sia sempre identico, ogni parte del corpo sia sufficientemente irrorata (buona circolazione sanguigna) e i tempi di esposizione siano uniformemente distribuiti su tutto il corpo. L’abbronzatura potrà risultare non perfettamente uniforme su soggetti con problemi di circolazione (accentuati da posture troppo statiche o inadatte), in quanto l’ossigeno trasportato dal sangue ha un ruolo fondamentale nell’ossidazione della melanina.

NON INDICATO PER:

  • chi ha difficoltà a produrre melanina, per cui la pelle tende ad
  • arrossarsi sempre (fototipi I e II)
  • chi è di età inferiore ai 18 anni
  • chi è in gravidanza
  • chi ha la pelle arrossata o infiammata
  • chi ha un alto numero di nei
  • chi ha ferite o malattie cutanee (dermatiti, tumori cutanei)
  • chi soffre di fotodermatiti (orticaria solare, eruzione polimorfa solare)
  • chi si è sottoposto ai raggi X da meno di 4 settimane
  • chi ha tatuaggi (i colori usati nei tatuaggi si possono trasformare in sostanze tossiche)
  • chi ha assunto farmaci che aumentano la sensibilità al sole (alcuni antibiotici ed antinfiammatori): in tal caso chiedere consiglio al proprio medico per verificare se il farmaco possa causare ipersensibilità agli UV